Garage Italia Headquarters
Edifici commerciali
aMDL - Michele De Lucchi
Angelo Micheli (responsabile di progetto), Davide Angeli, Nicola Boccadoro, Federica Cevasco, Silvia Figini, Francesco Forcella, Alessandro Ghiringhelli
2015, settembre
2016, dicembre
2017, ottobre
  Inaugurazione: 7 novembre 2017
Milano (Italia), piazzale Accursio
Garage Italia Custom S.r.l.
Paolo Castelli S.p.A.
Luci: Viabizzuno S.r.l.
Arredi su disegno: Cassina Contract Division
Arredi outdoor: Unopiù S.p.A.
Restauro del mosaico: Gasparoli S.r.l. 
Trattamento esterno: Airlite S.r.l.
Pavimentazione terrazza: "Woozen" di LG Hausys
Ascensore: Baglini Ascensori Group S.r.l.
1.700 mq
Progetto strutturale: Milan Ingegneria S.r.l.
Progetto impianti, consulenza acustica, antincendio: Tekser S.r.l.
Progetto geotecnico: Studio Idrogeotecnico Applicato S.a.s.
Pratiche edilizie: Leveni & Pedrani Architetti Associati
Progetto illuminotecnico: Centropolis Design S.r.l.

Garage Italia si trova all’interno di una bellissima architettura degli anni Cinquanta dalla forma fluida e allungata in senso orizzontale che le conferisce dinamicità. È l’ex stazione Agip Supercortemaggiore di Piazzale Accursio, un esempio di streamline moderno, caratterizzata dai bordi arrotondati di due sproporzionate tettoie che fanno immaginare che l’edificio possa spiccare il volo. Commissionata nel 1952 all’architetto Mario Bacciocchi da Enrico Mattei, la stazione Agip fu completata nel 1953 e diventò immediatamente un tempio dell’automobile. Attiva fino alla metà degli anni Ottanta e parzialmente negli anni Novanta, la stazione testimonia una fase importante dello sviluppo economico e sociale del dopoguerra. Sorge su un lotto triangolare definito dall’intersezione di due viali.

L’intervento di restauro conservativo e consolidamento statico di aMDL rispetta l’identità storica e architettonica dello spazio. L’ingresso principale vetrato e le pareti curve a lastre di vetro con telai in metallo sono stati mantenuti garantendo la connessione visiva tra l’interno e l’esterno. La superficie curva delle due tettoie, così come le facciate esterne, sono interamente rivestite da un mosaico di piccole tessere in ceramica, caratteristiche dello stile streamline, che sono state pulite e restaurate per riportare l’esterno al colore originario. Due file di neon corrono a perimetro delle ali, riposizionate esattamente come negli anni Cinquanta; sono un vero e proprio elemento architettonico che valorizza la forma aerodinamica dell’edificio. Sopra la linea del tetto, gli alti pennoni ricalcano il disegno di quelli originali e supportano la nuova insegna aziendale che si staglia alta nel cielo, ben visibile nella sua funzione di comunicazione per chi percorre l’asse stradale del Sempione.
Internamente 1.700 mq si distribuiscono verticalmente su due piani fuori terra e un piano interrato dedicato ai servizi. Al piano terra, subito dopo la porta di ingresso, una grandissima nuvola composta da oltre 1.100 modellini di macchine volanti è sospesa sull’area bar e accompagna verso l’anima creativa di Garage Italia Custom: la fucina dei progetti tailor-made di personalizzazione. Sulla parete di fondo, la Materioteca è una grande libreria che mostra la qualità e la ricchezza cromatica delle lamiere verniciate, dei tessuti e delle pelli utilizzate. È stata inoltre allestita un’area con un simulatore professionale di una Ferrari da corsa.
Salendo al primo piano si raggiunge il ristorante Garage Italia Milano che occupa un’unica grande sala di forma trapezoidale affacciata su piazzale Accursio. Al centro dello spazio, la carrozzeria di una Ferrari 250 GTO è trasformata in una cocktail station. Sul soffitto è sospesa una pista elettrica giocattolo di 35 metri con 22 mini modellini di Formula 1. A perimetro dello spazio si trovano panche, tavoli e sedie disegnati appositamente per il ristorante. Grandi aperture finestrate portano luce all’ambiente che si affaccia sulle ali dell’edificio. La terrazza esterna è perimetrata da quinte di vegetazione tropicale che sembrano continuare nelle fronde degli alberi di viale Certosa. Sulla punta estrema, il “Riva Privèe” è un piccolo spazio esterno allestito come un motoscafo Aquarama. La pavimentazione è in legno di mogano alternato a listelli di acero e le sedute sono in ecopelle di colore bianco e azzurro. Scendendo al piano interrato due porte in teak si aprono sui servizi igienici con lavandini e sanitari in acciaio color rame, pavimenti e pareti sempre in teak.
Tutto il progetto è pensato per evocare l’atmosfera originaria dell’officina meccanica proiettata nella modernità del XXI secolo. Gli ambienti sono caratterizzati dal blu delle pareti e dalle divisioni interne realizzate con strutture industriali in ferro grezzo. La pavimentazione è in cemento nero. Gli arredi, realizzati su disegno, riprendono uno stile industriale e sono arricchiti da raffinati dettagli costruttivi ripresi dal mondo delle auto, delle barche e degli aerei.

Grande attenzione è dedicata alla sostenibilità del progetto. Gli impianti tecnologici a pompa di calore con acqua di falda sfruttano il principio della geotermia per riscaldare l’ambiente. La fornitura elettrica è in parte garantita da pannelli fotovoltaici posizionati in copertura, in modo da non alterare la linea architettonica dell’edificio. La verniciatura esterna è realizzata con vernice a base di Airlite, una speciale pittura fotocatalitica che si attiva con la luce per ridurre notevolmente la presenza di sostanze inquinanti nell’aria e per eliminare la presenza di muffe e batteri nocivi.

Garage Italia is situated in a beautiful piece of 1950s architecture. With its fluid and horizontally elongated form that gives it a dynamic look, this ex-Agip petrol station in Piazzale Accursio is an example of modern streamlining. Distinguished by the rounded edges of its two outsized cantilevered roofs, it gives the impression that the building might lift off at any minute. Commissioned in 1952 to the architect Mario Bacciocchi by Enrico Mattei, the Agip petrol station was completed in 1953 and immediately became a temple to the automobile. In use until the mid-Eighties and partially the Nineties, the station bears witness to an important phase of Italy’s postwar economic and social development. It stands on a triangular site, defined by the intersection of two roads. The conservation, restoration and static consolidation project by aMDL respects the historical and architectural identity of the space. The glazed main entrance and the curved walls, with glass sheets on metal frames, have been retained to provide a visual connection between the exterior and interior. The curved surface of the two cantilevered roofs, and the outer walls, are entirely clad with a mosaic of small ceramic tesserae. Reminiscent of the streamline style, they were cleaned and restored to bring back the exterior to its original colour. Two rows of neon lights follow the outer edge of the wings, exactly as they were in the Fifties: an architectural feature that very much enhances the building’s aerodynamic form. Above the roof line, tall poles resume the original design to support the new Garage Italia sign which stands out high in the sky, a clearly visible communication to travellers on the Sempione stretch of road.Inside the building, 1,700 sqm are spread vertically over two storeys above ground and in one basement level containing bathroom facilities. On the ground floor, straight after the front entry, a huge cloud, comprising more than 1100 models of flying machines, is suspended over the bar area and lifts the eye towards the creative anima of Garage Italia Custom: a factory of tailor-made projects. On the end wall, the materials sampler consists of is a large bookcase, displaying the quality and chromatic richness of the painted metals, fabrics and leathers used. Also presented is an area containing a professional simulator of a Ferrari racing car.Going up to the first floor, you reach the Garage Italia Milano restaurant. This occupies a single large trapezoidal space overlooking piazzale Accursio. At the centre, the body of a Ferrari 250 GTO has been converted into a cocktail station. Suspended from the wall is a 35-metre electric toy track with 22 Formula 1 models on it. Positioned on the outer edge of this space are benches, tables and chairs that were custom-designed for the restaurant. Large glazed walls let light into the interior which faces onto the wings of the building. The spacious outdoor terrace is bordered with backdrops of tropical vegetation which give the impression of continuing into the foliage of the trees along viale Certosa. Situated at the far end of this terrace is the “Riva Privée”, a small external space laid out as an Aquarama motorboat. Its flooring is in mahogany with alternating maple boards, and the seating is in white and light blue eco-leather.Down in the basement floor, two teak doors open into the bathroom area, where the sanitary ware is in copper-coloured steel. The floors and walls are again in teak.The whole project is designed to evoke the original atmosphere of the mechanical workshop, projected into the modernity of the 21st century. The interiors are characterised by the blue of their walls and by their inner partitions, built with crude iron industrial structures. The floors are in black cement. The custom-designed furniture adopts an industrial style, enriched by elegant manufacturing details borrowed from the world of cars, boats and planes.

Scrupulous care is devoted to the project’s sustainability. Its technological systems are heat-pumped with ground-water, exploiting the geothermal principle to heat the interior. The electricity is partly supplied by photovoltaic roof panels, so as not to alter the building’s architectural line. The exterior is faced with a special Airlite-based paint, which relies on sunlight to notably reduce the presence of pollutants in the air and to prevent mould and harmful bacteria.
“A piazzale Accursio una bellissima architettura sembra spiccare il volo. Qui si incontreranno personaggi "visionari", anticipatori delle tendenze del domani. Lapo Elkann ha riconosciuto in questo oggetto abbandonato da tanti anni un grande valore e ne ha fatto  una architettura aperta a tutti quelli che hanno la curiosità e la volontà di vedere oltre quello che già esiste”. (Michele De Lucchi, ottobre 2017)

Located in Piazzale Accursio, Milan, is a beautiful piece of architecture that seems about to take flight. It is here that  “visionary” figures will be meeting to anticipate future trends. Having recognised the impact of this long-abandoned construction, Lapo Elkann has reinstated it as a work of architecture, open to all those already curious and ready to see beyond what already exists. (Michele De Lucchi, October 2017)
   
 
Garage Italia Headquarters, Milano (Italia), piazzale Accursio, 2015 - 2017
Ph. Tom Vack with Ester Pirotta, fotografia digitale
 
Garage Italia Headquarters, Milano (Italia), piazzale Accursio, 2015 - 2017
Ph. Tom Vack with Ester Pirotta, fotografia digitale
 
Garage Italia Headquarters, Milano (Italia), piazzale Accursio, 2015 - 2017
Area bar
Ph. Tom Vack with Ester Pirotta, fotografia digitale
 
Garage Italia Headquarters, Milano (Italia), piazzale Accursio, 2015 - 2017
Area bar
Ph. Tom Vack with Ester Pirotta, fotografia digitale
 
Garage Italia Headquarters, Milano (Italia), piazzale Accursio, 2015 - 2017
Officina dei progetti tailor made
Ph. Tom Vack with Ester Pirotta, fotografia digitale
 
Garage Italia Headquarters, Milano (Italia), piazzale Accursio, 2015 - 2017
Officina dei progetti tailor made
Ph. Tom Vack with Ester Pirotta, fotografia digitale
 
Garage Italia Headquarters, Milano (Italia), piazzale Accursio, 2015 - 2017
Ristorante
Ph. Tom Vack with Ester Pirotta, fotografia digitale
 
Garage Italia Headquarters, Milano (Italia), piazzale Accursio, 2015 - 2017
Ristorante
Ph. Tom Vack with Ester Pirotta, fotografia digitale
 
Garage Italia Headquarters, Milano (Italia), piazzale Accursio, 2015 - 2017
Bagni al piano interrato
Ph. Tom Vack with Ester Pirotta, fotografia digitale
 
Garage Italia Headquarters, Milano (Italia), piazzale Accursio, 2015 - 2017
Terrazza esterna
Ph. Tom Vack with Ester Pirotta, fotografia digitale
 
Garage Italia Headquarters, Milano (Italia), piazzale Accursio, 2015 - 2017
Michele De Lucchi, matita su carta
 

indietro

torna alla ricerca


invia e-mail con PDF

download PDF